1a-Location: prospettive ricche di contrasti nel cuore d’Europa

 Dal punto di vista geografico, l’Alto Adige, situato nel cuore della Mitteleuropa, è da sempre una zona di transito, che viene percorsa in particolare lungo l’asse nord-sud.  A est, la Provincia Autonoma è delimitata dal crinale alpino principale, mentre a ovest confina con il cantone svizzero dei Grigioni. Verso sud, la provincia di Bolzano confina con quelle di Belluno (Veneto) e di Sondrio (Lombardia) e con il Trentino. In un’ora di automobile si raggiunge il Lago di Garda, molto amato dagli appassionati di windsurf, mountain bike e arrampicata, e in altre due ore la celeberrima città lagunare di Venezia. E nella direzione opposta, a soli 45 minuti c’è un ambiente davvero straordinario: le nevi perenni, fra i ghiacciai, dove si scia tutto l’anno. L’Alto Adige è una terra di contrasti, contrasti positivi che si arricchiscono, si completano e si ravvivano a vicenda: le dolci vallate che si alternano a vette e pendii, aspri e scoscesi; i paesini idilliaci che contrastano con le vivaci cittadine; la tradizione e il rispetto per la natura che si sposano con l’innovazione e il progresso; l’industria e le attività produttive, che rispettano le zone di tutela naturale e paesaggistica, quasi il 40% della superficie della provincia. Nonostante sia una destinazione turistica molto frequentata in tutti i mesi dell’anno, l’Alto Adige offre numerosi angoli di tranquillità, con spazi per il corpo, lo spirito e la mente e panorami meravigliosi per la telecamera. Due terzi della superficie totale (in tutto 7.400 km2) si trovano sopra i 1.600 metri, dunque nel settore alpino e di alta quota, dove vive il 4% della popolazione; quasi la metà degli abitanti risiede invece ad altitudini inferiori ai 500 metri. La densità rimane comunque bassa anche in queste zone, attestandosi a livello provinciale ad appena 67,9 abitanti per chilometro quadrato. Per fare un confronto, sulla stessa superficie in Alta Baviera si stringono 245 abitanti. E in Toscana sono pur sempre 161.

Osservando la suddivisione amministrativa dell’Alto Adige, troviamo otto Comunità comprensoriali, 116 comuni e otto città vere e proprie: Bolzano, Bressanone, Brunico, Glorenza, Chiusa, Laives, Merano e Vipiteno. Anche qui, emerge uno dei contrasti che caratterizzano questo territorio: Bolzano ha infatti 100.000 residenti, mentre la cittadina mercantile di Glorenza ne conta appena 900. Una polarità altrettanto pronunciata risulta evidente anche in un’altra dimensione: Bolzano e i dintorni si trovano quasi sul livello del mare, mentre l’Ortles, il monte più alto della provincia, con i suoi 3.904 metri sfiora la soglia dei 4 mila, una cifra di grande valore alpinistico. I contrasti fra l’alto e il basso, fra i monti e le valli, caratterizzano l’intero territorio altoatesino, regalando scorci e prospettive straordinari, a seconda della prospettiva che l’operatore sceglie per guardare nell’obiettivo. Nelle valli dell’Adige, dell’Isarco e del Rienza, si trovano attività manifatturiere e agricoltura intensiva, vita moderna e arterie stradali di grande frequentazione: da qui, i paesaggi delle cime in parte innevate sono, nella migliore delle ipotesi, uno sfondo. Eppure, anche ad altitudini più elevate, verso il granito, la roccia dolomitica, la neve e i ghiacci, l’Alto Adige racconta di un mondo vivo e vitale, perché sono secoli che le valli montane, gli alpeggi e i pascoli di montagna vengono coltivati. Passi e valichi transitabili rappresentano le vie di collegamento per chi si muove in questa natura aspra ma davvero straordinaria. Un paesaggio vivo, che regala immagini vive.

 
© 2016 IDM Südtirol - Alto Adige I Part. IVA IT 02521490215 | Fondo di dotazione 5.000.000 €